CORONAVIRUS – A Bergamo gli artigiani di Confartigianato mobilitati per costruire l’ospedale da campo dell’Associazione Alpini

Posted By Daniela Montalbano on Mar 24, 2020 | 0 comments


Gli artigiani di Bergamo hanno subito risposto alla chiamata di Confartigianato che a sua volta ha raccolto l’appello dell’Associazione Nazionale Alpini per contribuire a realizzare in tempi record l’ospedale da campo che accoglierà i pazienti colpiti dall’infezione Covid-19. A decine gli imprenditori si sono mobilitati per contribuire, ciascuno per il proprio settore, a rendere operativa la struttura che sta sorgendo all’interno del padiglione B della Fiera di Bergamo. Dai lavori di pavimentazione alla carpenteria fino alla fornitura di stoviglie monouso, gli imprenditori artigiani bergamaschi stanno dando prova di generosità e spirito di solidarietà in nome di quel motto in gergo dialettale “Bergamo, mola mia’ che ha fatto il giro d’Italia e d’Europa per testimoniare, nella provincia più colpita dal coronavirus, la ferma volontà di resistere e vincere, anche con il lavoro artigiano, la durissima battaglia di tutto il Paese.

“Da quando abbiamo rilanciato l’appello ricevuto dall’Associazione nazionale alpini – spiega il Presidente di Confartigianato Bergamo Giacinto Giambellini – è scattata una gara di solidarietà tutta artigiana. In questo momento stanno lavorando 50 artigiani, che si alternano notte e giorno in tre turni di 6-8 ore ciascuno. C’è tantissimo da fare e sapevo che i miei artigiani avrebbero voluto essere in prima linea nell’aiutare. Hanno dato del loro, il loro lavoro, le materie prima, senza risparmiarsi, in una corsa contro il tempo, perché in questo momento anche un’ora di anticipo sulla tabella di marcia serve a salvare delle vite. Li voglio ringraziare tutti perché stanno dimostrando che Bergamo ha un grande cuore che nonostante tutto vuole continuare a battere e a trovare la speranza anche in questi momenti bui”.

E proprio oggi il generale Antonio Tonarelli, direttore logistico dell’ospedale da campo dell’Ana, dai microfoni di Rai News 24 ha ringraziato gli artigiani di Confartigianato per l’immediata risposta. “Quello tra artigiani e alpini – ha detto – è un connubio che funziona. I lavori stanno andando avanti e siamo impegnati giorno e notte per concluderli e consegnare l’ospedale entro 3 giorni”.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.