EUROPA – Assemblea SMEUnited: Confartigianato incontra il Commissario per le Relazioni Interistituzionali Šefčovič

Posted By Daniela Montalbano on Giu 22, 2021 | 0 comments


L’artigianato e le PMI sono il cuore dell’Europa.  Gli ambiziosi obiettivi europei possono veramente essere realizzati sul campo per le PMI. È ora di passare dalle parole ai fatti, quindi forniamo loro il quadro appropriato e diamo loro la possibilità e le risorse per mettere in pratica questi obiettivi.

Questo il messaggio chiave che i membri dell’Assemblea di SMEUnited hanno voluto dare agli interlocutori istituzionali a livello europeo nel corso dell’Assemblea Generale.

La dichiarazione lanciata al termine della riunione ha chiesto con forza di mettere al centro della ripresa l’artigianato e le micro piccole imprese come volano per la ripresa economica. Per fare questo è necessario garantire l’accesso ai finanziamenti, gli investimenti in competenze e infrastrutture e facilitando l’imprenditorialità. Inoltre, SMEunited ha chiesto un ambiente favorevole alle imprese, che permetta alle mPMI di affrontare le sfide future e di contribuire alla doppia transizione:

•  I piani nazionali di ripresa e resilienza devono includere le riforme necessarie per migliorare l’attrattiva degli investimenti, la qualità dei servizi pubblici e l’efficienza delle amministrazioni. Un mercato unico forte è una precondizione per una ripresa rapida e una transizione di successo. Inoltre, gli strumenti innovativi inclusi nella strategia industriale e in quella per le PMI dovrebbero facilitare la creazione di opportunità commerciali e di posti di lavoro. Il Recovery and Resilience Facility, altri programmi europei e i pagamenti rapidi dovrebbero fornire le risorse finanziarie necessarie alle PMI in grado di recuperare, innovare e investire. Inoltre, la legislazione sull’insolvenza deve fornire agli imprenditori una seconda possibilità reale e rapida.
•  L’imminente “Pacchetto Fit for 55” deve fornire un ambiente normativo adeguato alla transizione verde che garantisca la prevedibilità per gli investitori e miri a incoraggiare l’innovazione. La transizione verde deve essere graduale, equa e inclusiva per le PMI.
•  Trovare lavoratori qualificati continua ad essere una sfida da affrontare durante la ripresa. L’apprendimento permanente e la formazione continua sono fattori chiave per aumentare l’occupabilità delle persone lungo tutta la loro carriera e la competitività delle aziende. I vari modi di organizzare l’apprendimento lungo tutto l’arco della vita possono essere elaborati e attuati, in modo migliore, attraverso una stretta collaborazione con le parti sociali sia a livello nazionale, che regionale e/o settoriale.
•  L’equità, quando si tratta di relazioni con le piattaforme e l’accesso ai dati, così come per quanto riguarda i sistemi di tassazione (digitale) è cruciale per la crescita delle PMI e gli sviluppi commerciali orientati al futuro.
•  Una regolamentazione intelligente è una precondizione per le PMI per le PMI che vogliono crescere. Le PMI sono preoccupate che nuovi oneri normativi frenino la ripresa e ostacolino una transizione efficace verso un’economia verde e digitale. L’onere burocratico di ogni proposta dovrebbe essere analizzato sistematicamente, facendo uso del test PMI e del principio One-in-One-Out.

Nel corso dell’Assemblea, a cui ha preso parte il delegato all’Europa di Confartigianato Imprese e Vice Presidente di SMEUnited Luca Crosetto, è intervenuto anche il Commissario per le Relazioni Interistituzionali Maroš Šefčovič che ha sottolineato quanto sia importante per la Commissione Europea rafforzare sempre di più il legame con SMEUnited quale interlocutore principale per l’artigianato e le piccole imprese a livello europeo.

“È importante per noi parlare con gli imprenditori europei e le PMI. Siete veramente la linfa vitale della nostra economia e siete voi che create realmente posti di lavoro. Come Commissione siamo consapevoli di quanto sia necessario ridurre la burocrazia, gli oneri amministrativi e di quanto bisogno hanno le piccole imprese. Anche per questo ci stiamo impegnando sempre di più per applicare in maniera più sistematica il Test PMI nelle nostre valutazioni d’impatto che dovranno essere sempre più trasparenti” Ha proseguito cosi il suo intervento il Commissario europeo che ha sottolineato come la Commissione stia canalizzando il proprio lavoro per una migliore regolamentazione, assicurando che le proposte della Commissione rispettino la sussidiarietà e la proporzionalità e sviluppando il principio “One in, One out” per ridurre la burocrazia.

Per quanto riguarda l’impegno del Commissario per la riuscita della Conferenza sul futuro dell’Europa, a margine della riunione il Vice Presidente Crosetto ha sottolineato come “una più celere ripresa economica sarà possibile anche grazie ad un maggior coinvolgimento delle organizzazioni delle imprese e dei cittadini, resa possibile dalla Conferenza sul futuro dell’Europa”. Come Confartigianato si sostiene l’importanza che una migliore condivisione di “best practices” a livello europeo avrà sull’intero ecosistema socio-industriale europeo, e la necessità che le idee provenienti da tale conferenza trovino poi seguito all’interno del processo legislativo europeo.

Crosetto ha poi ribadito l’importanza di “garantire il punto di vista delle PMI che deve essere la base per l’elaborazione della legislazione e delle misure politiche. Una regolamentazione intelligente, basata sul principio “Think Small First”, garantirà che gli imprenditori possano concentrarsi sulla propria attività, senza dedicare tempo ai requisiti normativi. Un’attuazione concreta del mercato unico sarà l’unico modo per superare la crisi pandemica per le micro e le PMI e supportarle durante il processo di rinascita.”

Nel corso dell’Assemblea Generale di SMEUnited è stato anche nominato membro del Consiglio d’Amministrazione dell’Associazione europea per l’artigianato e le PMI, il Segretario Generale di Confartigianato Imprese Vincenzo Mamoli.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.