FASE DUE – Il contagio dell’ottimismo. Le imprese che ripartono e rimettono in moto l’Italia

Posted By Antonio Alivesi on Mag 25, 2020 | 0 comments


Artigiani e piccoli imprenditori che non si arrendono, che si sono rimboccati le maniche per far ripartire l’Italia. Confartigianato racconta le testimonianze di chi interpreta la crisi come opportunità, inventando nuovi modi di fare impresa, lanciando nuovi prodotti, trasformando i propri servizi. Ecco dunque le storie dell’Italia delle piccole imprese contagiate dalla voglia di reagire e di continuare a lavorare. Storie che si possono anche ascoltare nel programma ‘Siparte’ su Isoradio Rai, in onda dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 15.

LA FIERA DIVENTA DIGITALE E PORTA LA MODA MADE IN ITALY NEL MONDO – ASCOLTA LA STORIA http://bancadati.datavideo.it/media/20200522/20200522-ISORADIO-SIRIPARTE_1400-165740166m.mp4

L’epidemia di COVID-19 non ferma Moda Makers, la manifestazione fieristica delle PMI del tessile-abbigliamento divenuta ormai un appuntamento fisso a Carpi, cuore del distretto della maglieria made in Italy famosa nel mondo.
A giugno si svolgerà infatti la prima edizione di Moda Makers Digital, una versione della manifestazione completamente online, che consentirà ai buyers di tutto il mondo, che tradizionalmente convergevano fisicamente a Carpi per la tre giorni di esposizione, di prendere visione dei campionari – che comprendono creazioni di confezione, maglieria, tagliato, camiceria e capispalla – senza spostarsi dai Paesi ove risiedono. Dal 18 giugno 2020, infatti, potranno accedere, con un sistema che garantisce la sicurezza sia dell’espositore che dell’acquirente, a un portale web appositamente concepito per consentire alle aziende di mostrare le proprie creazioni, entrare in contatto con i clienti e ricevere ordini.
Fabrizio Stermieri, imprenditore del settore tessile, titolare dell’azienda ‘Maglieria Paola Davoli’ a Carpi, è stato un precursore di questa modalità di vendita on line ed è tra gli ispiratori e organizzatori di ‘Moda Makers Digital’.
L’innovativa formula di svolgimento, che era allo studio degli organizzatori – tra i quali Lapam Confartigianato Imprese Modena Reggio Emilia – sin dall’inizio dell’emergenza coronavirus, è così in fase di realizzazione, dopo che la proposta ha riscontrato l’adesione di un numero sufficiente di aziende, invitate a partecipare tra la platea delle PMI che, nei quattro anni trascorsi, hanno già preso parte alle edizioni passate di Moda Makers.

LE MASCHERINE ANTI COVID DIVENTANO ECOCOMPATIBILI | ASCOLTA LA STORIA

http://bancadati.datavideo.it/media/20200522/20200522-ISORADIO-SIRIPARTE_1500-170147544m.mp4

Contribuisce a risolvere la questione dello smaltimento perché biocompatibile, è lavabile e costruita con materiale ipoallergenico. La “Nina Mask” la mascherina anti coronavirus nata in provincia di Reggio Emilia, è frutto della collaborazione tra quattro imprese: Plastic Four, 3DLine, Soluzione Cad e Rc-Sed. Il prototipo nasce a inizio marzo grazie a 3Dline impresa che produce e commercializza stampanti 3D ed è guidata da Simone Gaddi.
‘3Dline’ è un’azienda che affianca le PMI nel processo di trasformazione digitale offrendo servizi, prodotti e competenze di qualità.
La mascherina nasce a inizio marzo, quando 3DLine ha rilasciato gratuitamente sul web il progetto “OsMask”, il file spl. scaricabile e open source – quindi modificabile – di una mascherina anti Covid-19. L’intento era quello di permettere a chiunque disponesse di una stampante 3D, di autoprodursi un dispositivo di sicurezza in un momento in cui le mascherine erano praticamente introvabili. In un certo senso è stato un precursore delle cosiddette “mascherine di comunità”, autorizzate adesso dal Governo.
E’ stato raccolto l’interesse di alcune imprese tra cui Plastic Four di San Martino in Rio che si occupa di materie plastiche, della reggiana Soluzione Cad specializzata in progettazione e della milanese Rc-Sed che ha poi ingegnerizzato il prototipo. Dalla sinergia tra le quattro aziende è nata “Nina Mask”, oggi acquistabile online sui siti aziendali.
Nina Mask” è costruita con materiale ipoallergenico e biocompatibile, cioè conforme alla normativa ISO 10993. La maschera ha un alloggiamento per un filtro sostituibile della durata di otto ore, ma a parte questo il prodotto ha una durata pressoché eterna e il fatto che sia riciclabile, un punto su cui ha insistito molto Plastic Four, la rende sostenibile rispetto a tantissimi altri prodotti usa e getta.
Ad oggi non è un DPI o un presidio medico chirurgico, come indicato anche sulla confezione, ma è in attesa di ricevere la certificazione come mascherina FFP2, un fattore che interessa anche la grande distribuzione.

NASCE IL DIVISORE PER FAR LAVORARE I TASSISTI IN TUTTA SICUREZZA |ASCOLTA LA STORIA

http://bancadati.datavideo.it/media/20200512/20200512-ISORADIO-SIRIPARTE_1400-171901713m.mp4

Daniele Sanguin, è  titolare di Color Dimension, impresa della provincia di Bologna specializzata nelle arti grafiche, che ha ideato e realizzato un divisore per taxi per permettere agli autisti di lavorare in totale sicurezza. L’idea, come spesso succede, è nata quasi per caso, dal racconto di un amico tassista sul continuo rischio di contagio a cui è sottoposto. Da lì l’input a  trasformare le abituali lavorazioni in plexiglas per fiere e negozi in un pannello divisore tra autista e passeggero. La protezione è una lastra in policarbonato da 2 mm, con uno sportellino apribile per il pagamento e due alette laterali flessibili per consentire l’eventuale apertura dei dispositivi di sicurezza come gli airbag laterali. Il fissaggio è assicurato da una mantellina trasparente anti-strappo con borchie e fettucce elastiche. “La serigrafia digitale ci permette di indicare sul pannello tutte indicazioni di sicurezza. Inoltre, abbiamo utilizzato un policarbonato che è un materiale sicuro, certificato, anti-urto e molto resistente. La nostra barriera è conforme a tutte le normative europee e per questo è certificata CE – aggiunge Sanguin – Devo ringraziare Confartigianato Bologna per avermi accompagnato nella fase di preparazione di tutte le pratiche burocratiche per avviare la produzione, siamo riusciti a trasformare velocemente un’idea imprenditoriale in un prodotto utile a tutti, tassisti e cittadini”. Soprattutto, però, utile per tornare a lavorare in sicurezza e per recuperare il terreno perso in questi due mesi di blocco delle attività 

PULIZIA DEI CAPI D’ABBIGLIAMENTO A PROVA DI CONTAGIO |ASCOLTA LA STORIA

http://bancadati.datavideo.it/media/20200513/20200513-ISORADIO-SIRIPARTE_1400-153548569m.mp4

Nella fase 2 sarà fondamentale curare l’igiene personale e degli indumenti. Ecco allora l’importanza delle attività artigiane di lavanderia e pulisecco, testimoniata da Carlo Zanin, imprenditore veneto e Presidente di Confartigianato Pulitintolavanderie: “La qualità, la sicurezza, l’igiene e oggi anche l’efficacia nella lotta al coronavirus, delle nostre lavanderie artigiane tradizionali – ha spiegato il Presidente Zanin  – sono certificate anche grazie a ricerche internazionali e a test microbiologici da noi commissionati che hanno dimostrato come tutti i principali metodi di lavaggio professionale abbiano un’elevata efficacia di abbattimento per i più diffusi ceppi microbici”

INNOVAZIONE E RICERCA PER I NUOVI TERMOSCANNER |ASCOLTA LA STORIA

http://bancadati.datavideo.it/media/20200513/20200513-ISORADIO-SIRIPARTE_1400-154420927m.mp4

La gestione della fase 2 e le misure per contenere il contagio da Covid 19 necessitano di tecnologie adeguate. Come quelle messe a punto di WithGroup, Consorzio Stabile Entertainment&In Room Technology Home Health che opera a Rovereto (Trento) ed è specializzato nella produzione di dispositivi di rilevazione della temperatura corporea. Piero Bottini racconta l’attività del Consorzio di piccole imprese che puntano tutto sull’innovazione e sulla ricerca

C-VOICE MASK, IL DISPOSITIVO HI TECH PER IL PERSONALE SANITARIO |ASCOLTA LA STORIA

http://bancadati.datavideo.it/media/20200518/20200518-ISORADIO-SIRIPARTE_1430-171400782m.mp4

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.